Ancora nelle mani di Marta Bissoli. Ormai è la sua famiglia, e la maglia è una seconda pelle. Per il diciassettesimo anno consecutivo Marta Bissoli sarà la palleggiatrice di Vivigas Arena Volley in serie B1. Con l’entusiasmo della prima volta, e con la voglia di tornare presto in capo per riprendere un cammino interrotto a causa del Covid, come lei stessa racconta.

«Quest’anno sarà il mio diciassettesimo anno in Arena Volley, e rivestire un altro anno questa maglia sarà per me motivo di grande orgoglio e soddisfazione personale. Tengo molto alla società, alle ragazze, agli allenatori e al pubblico di sempre. Arena Volley è una grande famiglia e, malgrado i suoi piccoli difetti, sarà sempre la mia seconda casa».

Per riprendere un cammino interrotto proprio quando Vivigas aveva dato importanti segnali positivi, che facevano ben sperare in vista della parte finale del campionato.
«L’annata appena trascorsa purtroppo non si è conclusa nel migliore dei modi. Quello che è successo è andato al di là di qualsiasi cosa potessimo immaginare. Nonostante coprissimo una posizione abbastanza tranquilla in classifica, non è stato sicuramente un anno facile e senza ostacoli. Mi è dispiaciuto sicuramente non portarlo a termine, perché credo avremmo potuto dire la nostra nelle ultime gare che ci separavano dalla fine del campionato.»

Oltre alle partenze, in squadra ci saranno dei nuovi arrivi, ma anche il ritorno di Fabiana Brutti. Che cosa ti aspetti dal prossimo campionato?
«L’annata che ci attende sarà sicuramente in salita. Tanti saranno i nuovi arrivi e, la maggior parte delle volte, distruggere i vecchi equilibri per crearne di nuovi non è cosa facile. Confido però nella voglia e nella determinazione, da parte di tutti, di voler crescere e di fare un buon campionato. Ad aiutarci ci sarà sicuramente l’apporto e l’esperienza di Fabiana, che torna dopo un anno molto difficile. In lei ho piena fiducia, e so che saprà tornare e dire la sua come ha sempre dimostrato!»

Importante quest’anno sarà il settore giovanile, visto che l’obiettivo della società sarà quello di portare più ragazze possibili in prima squadra. Cosa ti senti di dire loro, visto che tu hai fatto tutta la trafila dal minivolley fino alla serie B1?
«Alle ragazze del giovanile dico solo di inseguire i propri sogni e di non mollare mai. La determinazione e la voglia di volercela fare ripagano sempre. L’attaccamento alla maglia poi è fondamentale: le migliori partite e le migliori vittorie sono sempre quelle giocate con il cuore!»

Lo scorso campionato non si è potuto concludere, non potendo dare la possibilità ad alcune giocatrici che avevano scritto pagine importanti della storia di Vivigas Arena Volley, di salutare e ricevere il meritato ringraziamento.
«Tengo in particolar modo a salutare Asia Merzari, un’amica speciale che è stata palleggiatrice con me in questi ultimi anni. Asia mi ha insegnato moltissimo, molto più di quanto io potessi insegnare a lei. È una persona fantastica e le faccio un grandissimo in bocca al lupo per la sua prossima annata, che la vedrà protagonista in una serie B2. Sicuramente saprà mettere in campo tutta la sua determinazione, e sarò sempre a fare il tifo per lei! Vorrei poi salutare Giulia Brignole, con la quale giocavo ormai da 5 anni. Giulia è una ragazza molto dolce e sempre super disponibile. Sono sicura che ovunque andrà saprà sicuramente dire la sua, e si farà ben volere da qualsiasi persona incontri. Saluto poi anche Chiara Falotico  e Elisa “Pici” Zanguio. Nonostante abbia giocato con loro un solo anno, ci tengo a ringraziarle per l’esperienza trascorsa insieme, e faccio loro un grande in bocca al lupo per la prossima annata, che ci vedrà magari avversarie sul campo. Saluto poi tutti i tifosi di Arena Volley che ci seguono da sempre. Il loro supporto e la loro energia sono per noi fondamentali… ci vediamo presto in palestra!»

Infine il capitano Alessia Mazzi, che nei suoi saluti personali ha menzionato proprio la Bissoli.
«Quando ho letto quello che Alessia aveva scritto nei saluti, mi sono quasi messa a piangere. La Mazzi non è mai stata una semplice compagna di squadra; è stata la mia confidente, la mia amica ed il mio capitano.
Con lei ho passato momenti indimenticabili e mi sono divertita tanto. Nei sette anni che abbiamo giocato insieme, si è instaurato un bellissimo rapporto, ed ora è una delle mie più care amiche. Nonostante quest’anno non indosseremo più la stessa maglia, quella che ci ha fatto arrivare e raggiugere la sudata promozione in B1, sono sicura che tra noi non cambierà nulla. GRAZIE DI CUORE MEZ»

Ufficio Stampa Arena Volley Team Verona

Condividi: