06/10/2019

Marcello Bertolini: «La squadra ha mostrato fisico e testa. Sappiamo dove dover migliorare, ma sono soddisfatto per il livello raggiunto»

A due settimane dalla prima di campionato, il coach Marcello Bertolini traccia un bilancio dopo il test match con Anthea e il torneo di Volano, che ha visto Vivigas giocare vincere la finale contro la squadra di casa. Quella contro la squadra trentina è stata una partita giocata punto su punto da entrambe le squadre, con intensità ed entusiasmando i tanti presenti al palazzetto di Volano. A rovinare la giornata purtroppo, è stato l’infortunio occorso a Fabiana Brutti, la cui entità sarà da capire dopo gli accertamenti. Risultato a parte, che comunque non può che far piacere, al coach Marcello Bertolini interessava avere segnali positivi dalla squadra, come lui stesso spiega.

«Il torneo di Volano è stato sicuramente un ottimo banco di prova e, vista la nostra situzione attuale, è stato il giusto proseguo dopo l’amichevole contro Anthea Vicenza. La squadra ha dimostrato di essere in crescita, riuscendo a trovare equilibrio in tutti i reparti. Contro Anthea» spiega «è stata più una partita di preparazione, dal momento che abbiamo avuto più vita facile».

A Volano, come previsto, si è alzato il livello dell’impegno, dovuto anche all’imminente inizio di campionato. «Al mattino abbiamo giocato contro Faenza, una squadra di serie B2 che non ci ha impensierito più di tanto. Nel pomeriggio invece, contro Volano è stata partita vera. Abbiamo affrontato una squadra che, come noi, rispetto alla scorsa stagione ha cambiato pochissimo, ed ha già raggiunto un buon grado di forma, visto che i suoi attaccanti hanno giocato facendo registrare alte percentuali. Noi abbiamo fatto complessivamente bene nella fase di difesa e contrattacco, peccando però un po’ a muro, un fondamentale sul quale dovremo lavorare per migliorare. L’aver potuto utilizzare tutte le giocatrici che» sottolinea «hanno dato un buon contributo, mi ha dato conferma che il grado complessivo di forma del gruppo è buono».

Unico neo, purtroppo, l’infortunio occorso a Fabiana Brutti durante il quarto set della finale poi vinta con Volano. «Mi dispiace per Fabiana, ma aspetteremo il responso degli accertamenti per capirne e valutarne l’entità. Il fatto che poi la partita sia stata vinta, è un segno che tutte le ragazze sono pronte ad entrare e dare il loro contributo».

Un ottimo viatico in vista della prima di campionato il 19 ottobre in casa di Ezzelina. «A due settimane dall’inizio del campionato, siamo abbastanza soddisfatti. Mi aspettavo che la squadra in questi ultimi impegni facesse dei passi avanti e, già in settimana durante l’allenamento, si era visto un salto di qualità, dimostrando maggiore intensità e maggiore attenzione. Siamo riusciti a contenere degli errori, anche se dovremo migliorare riguardo alla gestione di alcune palle alte, perché prendiamo qualche murata di troppo. Complessivamente però la squadra adesso ha un’ossatura che tiene, e la dimostrazione è stata data dalla partita con Volano, durata cinque set tirati e con intensità. Di questo» sorride «sarà felice il preparatore atletico Andrea Bertelli, sapendo che la squadra sotto il profilo fisico c’è, arrivando all’ultimo punto con lucidità».

Venerdì 11, Vivigas giocherà l’ultima partita amichevole in casa del Noventa, e poi inizierà finalmente il campionato. «Sappiamo che ci sono ancora delle cose da sistemare però, in vista del campionato, abbiamo raggiunto dei buoni livelli. Abbiamo visto cosa ci manca, riuscendo a testare squadre importanti, dimostrando di saper stare in campo, e quindi direi che fino a questo punto possiamo tranquillamente dare un voto positivo alla nostra fase di avvicinamento alla prima di campionato. In settimana giocheremo l’ultima amichevole contro Noventa, però sarà importante recuperare tutte le fatiche, perché alcune atlete a Volano hanno giocato due set al mattino e fino al tie-break alla sera. La squadra sta viaggiando bene, ma è importante dire che, al di là del profilo tecnico, con Volano l’intensità è stata uguale ad una partita di campionato, e la carica agonistica è stata molto alta. Questo significa» conclude «che con la testa siamo già calibrati per gli impegni ufficiali».

Ufficio Stampa Arena Volley Team Verona