Serie B1

ARENA VOLLEY TEAM VERONA

 

GARA DEL 19.03.22

Conegliano (TV) – Arena Volley Team  2-3
(25-17/25-16/22-25/19-25/11-15)

 

FORMAZIONE ARENA VOLLEY TEAM: Bissoli (5), Brutti (9), Cappelli (17), Ferrari, Guiotto (7), Hrabar (11), Lonardi (), Montin, Muzzolon, Sgarbossa (20), Tamassia (5). Liberi: Moschini, Erigozzi. 1° Allenatore: Marcello Bertolini 2° Allenatore: Manuel Frassoni

Formazione Conegliano (VR): Volpin (12), De Stefani (20), Zia, Barcellini (23), Pesce (2), Menegaldo (9), Alessandria, Wabersich (16), Nordio (), Florian.  : Ceschin. Allenatore: Martinez.

 

Arena Volley Team torna dalla trasferta di Conegliano con due punti che sono un ottimo risultato specie dopo i primi due set in cui le padrone di casa hanno per lunghi tratti messo alla corde Arena. Una gara dai due volti con le veronesi quasi irriconoscibili nei primi due set: Conegliano a ranghi completi è davvero una ottima squadra mentre anche il fattore campo ha avuto il suo peso. Incolpevole Conegliano che utilizza l’impianto disponibile, ma distinguere il terreno di gioco in questa palestra è davvero molto complicato, con mille linee che vanno a sovrapporsi.

Il sestetto di partenza di Arena Volley Team è quello classico con Bissoli in cabina di regia, opposto Tamassia, centrali Brutti e Guiotto, laterali Sgarbossa e Cappelli. Ad alternarsi in ricezione e difesa i due liberi Moschini e Erigozzi. La partenza per Arena non è delle migliori, con tanti errori distribuiti un po’ ovunque: maluccio in battuta, male in attacco, e forse un atteggiamento mentale di approccio alla gara molto timido. Sul finire del secondo set Bertolini inserisce Hrabar per Tamassia e la squadra sembra avere un piccolo sussulto di orgoglio. Bertolini conferma Hrabar anche per il resto della gara ed il nuovo assetto modifica anche la possibilità di giocare per Bissoli, mentre migliora la prestazione a muro ed in difesa. Arena torna a passare in attacco con maggiore regolarità specie con le attaccanti di posto quattro. Dal 2-0 Arena si porta in pareggio sul 2-2 grazie al cuore di questa squadra che abbiamo imparato a conoscere negli anni e ad una determinazione importante. Si arriva al quinto set in cui Arena rischia di complicarsi ancora le cose, sbagliando addirittura tre battute consecutive, ma Conegliano probabilmente ha esaurito le batterie mentali e nelle atlete di Arena aumenta la consapevolezza di poter ottenere una importante vittoria. E così avviene ottenendo una vittoria per 3-2.

 

Marcello Bertolini commenta a caldo a fine gara: “In questo momento, dobbiamo riconoscere che non stiamo giocando la nostra migliore pallavolo, ne siamo consci. Stiamo commettendo un numero abbastanza alto di errori un po’ in tutti i fondamentali. Conegliano è una ottima squadra che ha al proprio interno giocatrici di grande esperienza come Barcelini, De Stefani e le due centrali e nei primi due set ha giocato davvero una buona pallavolo, come sanno fare e come forse non sempre sono riuscite ad esprimere. Noi fuori casa continuiamo ad avere difficoltà ad entrare in partita e non riusciamo a tenere il ritmo. I primi due set li abbiamo persi abbastanza nettamente, poi dal terzo set l’inerzia della gara è cambiata, noi abbiamo ottenuto più continuità specie dalle attaccanti di posto quattro e con Hrabar che è entrata ed ha dato un buon contributo come opposto. Stasera rispetto al solito, anche il nostro muro ha un po’ latitato, loro con tanti mani e fuori ci hanno innervosito. Anche i nostri centrali hanno fatto fatica ad entrare in partita. Le ragazze sono però state brave, in una serata non brillante, fuori casa, sotto 2-0 hanno creduto di poter cambiare la partita. C’è stato ad un certo punto un calo fisico evidente dei loro posti quattro, mentre noi abbiamo tenuto molto meglio sotto il profilo atletico in una gara durata più di due ore. I parziali sono stati sempre abbastanza sotto controllo, a parte l’inizio del quinto dove abbiamo sbagliato tre turni consecutivi in battuta. La vittoria alla fine è andata alla squadra che complessivamente ha giocato meglio. In vista degli scontri diretti dobbiamo però pensare di giocare una pallavolo migliore, murare meglio e ritrovare in tutti i fondamentali gli equilibri che abbiamo avuto fino a qualche settimana fa. Due punti comunque buonissimi ottenuti in rimonta fuori casa. Ed ora pensiamo ad Altafratte.”

 

 

 

Condividi: